Quanti Modi Di Fare E Rifare… I Sockerbullar

È passato un anno da quando ho postato i deliziosi sockerbullar di Jan Hedh (trovi qui la ricetta originale) che sono selezionati  dalle cuochine di Quanti Modi Di Fare E rifareper la sfida di questo mese. Sono molto curiosa all’idea di vedere tutte le versioni dei molti membri di questo gruppo creativo e versatile.

Per quanto mi riguarda, questa volta ho voluto vedere se sarei riuscita ad ottenere la stessa morbidezza sostituendo al grano il farro, in buona parte integrale. Per rendere questi dolcini ancora piu’ sani ho sostituito lo zucchero con zucchero organico di palma di cocco (che è dolce come lo zucchero normale, ma ha un basso indice glicemico, da avere assolutamente in dispensa). E per soddisfare i gusti cioccolaolici della nostra famiglia, ho aggiunto cacao al ripieno. Vi posso dire che la mia bimba di 4 anni, che sicuramente non è un’amante della farina integrale, ha detto “mamma questi sono i dolcini migliori che hai mai fatto!”. Chiaramente un’esagerazione, ma un buon segno!

Una piccola nota su farro per quelli di voi che non hanno familiarità con questo grano. Il farro è un cereale antico affine al grano che è stato scarsamente coltivato in tempi moderni ed ha quindi mantenuto inalterate le sue caratteristiche. A differenza del grano che si usa di solito, il farro di oggigiorno non è molto diverso da quello coltivato 9000 anni fa, e forse anche prima. Per quanto riguarda le sue qualità nutrizionali, il farro contiene il 9 per cento di fibre, il 17 per cento di proteine e il 3 per cento di grassi insaturi, piu’ moltissimi minerali e vitamine. Il farro contiene solo una moderata quantità di glutine, quindi è meglio tollerato dal nostro corpo (è probabile che anche quelli tra noi che non sono intolleranti al glutine siano disturbati da una dieta ricca di glutine).

DINKEL SOCKERBULLAR MED CHOKLADFYLLNING – “BOMBOLONI” SVEDESI AL FARRO E CIOCCOLATO

Ti servono:

35 g lievito di birra fresco (o 10 g secco)

300 g di latte tiepido

80 g di zucchero di palma di cocco organico

12 g  zucchero vanigliatoa (o 2 cucchiaini di estratto di vaniglia)

3 tuorli d’uovo

450 g di farina di farro bianca**

150 g di farina di farro integrale

100 g di burro

circa 750 g di crema al cioccolato***

Zucchero di palma di cocco e burro per il rivestimento.

**macinata molto finemente, come la farina di grano 00.

Come fare:

1) Sciogliere il lievito nel latte, aggiungere lo zucchero e i tuorli d’uovo e sbattere brevemente con una frusta. Aggiungere la farina e impastare nella planetaria per 10 minuti a bassa velocità.

2) Aggiungere il burro a pezzi e impastare per altri 10 minuti a velocità medio-bassa.

3) Coprire e lasciare riposare al caldo – il forno con la luce accesa va bene – fino al raddoppio o più in volume.

4) Sgonfiare e dividere in due pezzi. Formare in un filoncino e dividere in 9-10 pezzi. Stendere leggermente ogni pezzo in un giro e mettere un cucchiaino abbondante di crema al cioccolato*** al centro. Chiudere i bordi sopra alla crema e sigillare con le dita. Capovolgere e cercare di dare una forma tondeggiante con le palme delle mani.

5) Mettere i panini in una teglia rivestita con carta da forno e lasciar riposare coperto al caldo per circa un’ora.

6) Nel frattempo, preriscaldare il forno a 250 gradi. Quando i panini sono pronti, cuocere per 8-9 minuti.

7) Spennellare subito con burro fuso e cospargere con altro zucchero di palma di cocco. Sono fantastici serviti caldi.

***CREMA AL CIOCCOLATO (basata su una ricetta svedese)

Ti servono: 1 baccello di vaniglia (o 2 cucchiaini di estratto di vaniglia), 500 g di latte, 6 tuorli d’uovo, 125 g di zucchero di palma di cocco, 40 g di amido di mais, 25 g di burro, 2 cucchiai di cacao in polvere (aggiunta mia).

Come fare: Dividere il baccello di vaniglia in lunghezza e grattare la polpa nel pentolino con il latte (OPPURE: aggiungere l’estratto di vaniglia al latte). Lasciate cuocere quasi fino a bollore, poi mettere da parte e lasciar raffreddare. Montare i tuorli con lo zucchero e poi aggiungere la farina. Quando il latte è tiepido (e non bollente) versarlo sopra il composto di uova e amalgamare con un cucchiaio di legno. Rimettere nel pentolino, aggiungere il burro, e cuocere a fuoco lento fino ad addensamento. Assicurarsi che la crema non sia caldo quando si riempiono i panini.

CONSIDERAZIONI: Sano non significa necessariamente insapore. Infatti questi deliziosi sockerbullar sono tanto buoni quanto nutrienti. Avevo paura che utilizzando il 100% di farro avrebbe impedito una lievitazione adeguata. In realta’ la lievitazione e’ stata altrettanto buona che nella versione a base di grano e la forma e’ risultata soltanto leggermente più allargata, soprattutto a causa della maggiore idratazione (le farine integrali richiedono più liquido nell’impasto). In ogni caso, morbidezza, effetto si-scioglie-in-bocca, e bontà sono rimasti invariati. Questi “bomboloni” erano talmente morbidi da sembrare fritti … ma non lo erano! Felice di poterne offrire uno alla mia piccola senza sensi di colpa. E lo stesso vale per me :) Alla salute!

*Quanti Modi Di Fare E Rifare è un evento mensile di cucina ideato da Anna e Ornella, due cuoche di grande talento che sono italiane all’estero come me.

LASCIA I TUOI COMMENTI SULLA VERSIONE IN INGLESE, PLEASE… GRAZIE E ALLA PROSSIMA!!!

Show 6 comments

Hide 6 comments

Comments

  1. Grazie della tua squisita ospitalità carissima Barbara, è stato un piacere per tutte noi venire da te in Svezia.
    Che stupendi Sockerbullar!!! Mi fermerei volentieri a mangiarne qualcuno, ma devo proseguire il mio goloso giro ;-)
    Felice carnevale e buon secondo anniversario alla nostra iniziativa :) )))
    Appuntamento al 6 marzo con la Pastiera di maccheroni
    Un abbraccio!

    Cuochina

  2. Grazie Barbara per questa ricetta meravigliosa…entrerà a far parte del mio elenco di ricette preferite, questa volta ho provato a farcirli con la marmellata ora devo provare con cioccolata e crema… un bacione
    belli anche con il farro!!!

  3. MMMMMMM!!! cioccolatosi! complimenti per la tua versione! Immagino la spazzolata.. il vassoio sarà rimasto pulitissimo! :D

  4. questa ricetta ha conquistato tutti….la prossima settimana siamo in vacanza ma appena torno li rifaccio che il marito ha gia` chiesto due volte….
    fra

  5. Anche questa versione è di un goloso unico :) Grazie per l’ospitalità, sei stata una fantastica padrona di casa.
    Sarai dei nostri il mese prossimo? Andiamo tutti da Francesca in Germania, anche la sua ricetta è buonissima :)

  6. Che buoni!!

Leave a Reply